Per Padova noi ci siamo

Comune, Diocesi e Centro Servizio Volontariato provinciale insieme per scongiurare un’emergenza sociale legata all’emergenza sanitaria da coronavirus

Presentazione

Il Comune di Padova, la Diocesi di Padova e il Centro Servizio Volontariato provinciale di Padova hanno lanciato il 14 marzo 2020 il progetto “Per Padova noi ci siamo” abbinato ad una campagna di raccolta fondi.

In pochi giorni nel territorio comunale sono nate spontaneamente moltissime iniziative lodevoli di condomini o vicini di casa o di quartiere per dare risposta a bisogni primari delle persone più fragili, come la spesa. Parallelamente alcuni esercenti hanno dato la loro disponibilità e le associazioni da sempre impegnate nell’aiuto alle necessità basilari stanno cercando di proseguire il servizio. Le indicazioni del Governo però sono chiare: è necessario per il bene di tutti rimanere a casa.

Per conciliare le necessità con le risorse della comunità e allo stesso tempo operare in sicurezza Comune, Diocesi e CSV in collaborazione con la Protezione Civile e il supporto di Banca Etica e Produzioni dal Basso hanno deciso di unire le forze attraverso l’attivazione di un coordinamento tra tutte le componenti sociali della città di Padova e di una importante raccolta fondi da destinare alle fragilità più estreme.

L’obiettivo è dare una risposta efficace ai bisogni di primaria necessità delle persone con fragilità nel periodo di emergenza e post-emergenza sanitaria affinchè non si traduca anche in una emergenza sociale.

Il progetto, adattandosi ai bisogni nascenti, prosegue anche con la cosiddetta “fase 2” dell’emergenza avviata il 4 maggio, con l’implementazione di nuove azioni di supporto alla delicata fase di riapertura.

Il progetto si concretizza attraverso:

  • l’attivazione di una rete tra le realtà associative, i servizi Caritas, i servizi pubblici e le realtà produttive presenti sul territorio che già stanno fronteggiando la problematica o disponibili ad attivarsi;
  • il coordinamento dei volontari che hanno dato la loro disponibilità;

  • l’attivazione e il potenziamento di alcuni servizi:

    • Acquisto generi di prima necessità (una media di 100 spese al giorno)
    • Acquisto di attrezzature informatiche per famiglie in disagio economico con bambini che non riescono ad accedere alle piattaforme scolastiche a distanza (necessità di almeno 130 attrezzature) e avvio di iniziative contro la povertà educativa
    • Sistemazione temporanea legata all’emergenza (alloggio, prima colazione e accoglienza diurna) per persone senza dimora (52 persone al giorno)
    • Acquisto di dispositivi di protezione per volontari, operatori di strutture di accoglienza che non possono chiudere (almeno 5.000 kit)
    • Sorveglianza dei parchi pubblici (a partire dalla fase 2 del 4 maggio)

#chiamacipure

I bisogni saranno raccolti dal Comune di Padova attraverso il numero dedicato, attivo da lunedì a sabato dalle 9:00 alle 18:00.

Tel. 049 23 23 009

#iocisono

Le disponibilità saranno raccolte e vagliate dal CSV Padova attraverso la mail cisono@padovacapitale.it o il numero dedicato, attivo tutti i giorni dalle ore 9:30 alle 12:30 e dalle 14:30 alle 17:30

Tel. 049 86 86 849 (int. 1)

#crowdfunding

Il progetto sarà sostenuto da fondi propri dei tre enti capofila e da una campagna di raccolta fondi aperta alla cittadinanza, per dare la possibilità a tutti di contribuire.

I principali costi da sostenere sono relativi all’acquisto di generi di prima necessità per le persone in disagio economico, all’acquisto di presidi di protezione personale per i volontari coinvolti per poter operare in sicurezza e ai costi per offrire riparo alle persone senza fissa dimora durante il periodo dell’emergenza.

Tutti possono donare

Fai una donazione
0
Volontari
0
Mail / Telefonate
0
Senzadimora accolti
0
PC acquistati
0
Destinatari raggiunti per spese, mascherine e buoni spesa

Puoi fare del volontariato? Segnala la tua disponibilità!

Puoi fare del volontariato? Segnala la tua disponibilità!

Compila il modulo

Azioni Specifiche

  • Segni dalla Strada

Segni dalla strada

Un progetto nato da 9 streetartist e writers padovani – in collaborazione con CSV Padova, Comune e Diocesi – che hanno scelto di lavorare insieme per sostenere le famiglie in difficoltà attraverso il progetto “Per Padova noi ci siamo”.

Spesa solidale: scopri dove!

Non solo NaturaSì, ma anche Alì, Despar, Pam e Coldiretti partecipano al progetto “Per Padova noi ci siamo” promuovendo la spesa sospesa nei rispettivi punti vendita di Padova. Per [...]

Leggi tutto

Progetti Collegati

Coltivazioni

coltivAzioni - Facciamo rifiorire la città  ColtivAzioni è un progetto promosso dall’Assessorato al Verde, Parchi e Agricoltura Urbana, Comune di Padova nell’ambito di "Per Padova noi ci siamo" con [...]

Supporto digitale Padova

Il Comune di Padova, attraverso il progetto "Supporto Digitale Padova" intende aiutare i cittadini, che non hanno alcuna o poca conoscenza del mondo digitale, ad utilizzare degli strumenti che [...]

Leggi tutto

Photo Gallery

Guarda tutte le Foto

Video settimanali

I VOLONTARI SI RACCONTANO

2020-06-08T12:30:23+02:00

Benedetta di 18 anni e Pietro 21, che in periodo di emergenza da coronavirus hanno sentito l’esigenza e la volontà di mettersi in gioco e di aiutare attivamente la propria città, Padova.

I BENEFICIARI SI RACCONTANO

2020-06-08T12:40:15+02:00

Nella quinta puntata della rubrica “I beneficiari raccontano” troviamo una raccolta di alcuni dei pasti consegnati grazie ai fondi raccolti.
I sostenitori sono stati molti fino ad ora ma c’è ancora tanto bisogno, l’emergenza non è ancora finita e sono tante le situazioni di disagio che si sono venute a creare.

INTERVISTE

2020-04-20T11:58:55+02:00

Video intervista tra Cristina Piva, assessora all’istruzione e al volontariato Comune di Padova e Anna Donegà del CSV di Padova per approfondire le azioni intraprese all’interno del progetto “Per Padova noi ci siamo” contro la povertà educativa.

Guarda tutti i video

Testimonianze

Sono un’anziana che vive sola, commossa di quanto il Comune, affiancato dal volontariato più disparato, sia presente tramite telefonate in cui mi viene  chiesto sia come sto e come passo il tempo.  Mi offrono, sempre con molto garbo, la possibilità di provvedere a qualsiasi necessità mi trovassi. Dei ragazzi del volontariato mi hanno pure portato le mascherine, ponendomele con un sorriso. Se ne sono andati facendomi degli auguri affettuosi, come fossero miei nipoti.
Grazie Padova, Capitale del Volontariato!

Luigina Bigon
Un semplice GRAZIE a tutti Voi che avete e state lavorando TANTO per VALORI DI SOLIDARIETA’  verso TUTTI  COLORO  CHE  HANNO  BISOGNO.
Sono venuto all’APERTURA dell’ANNO DEL VOLONTARIATO:  mi si è riempito il cuore ricordando tutti i bei momenti vissuti nel volontariato. Vi sono vicino, anche se ora non ci posso essere fisicamente.
Francesco Rebellato

Vi scrivo per ringraziarvi del lavoro svolto, della celerità con la quale mi avete risposto, telefonato e consegnato i buoni in tempi davvero estremamente veloci. Grazie dunque a tutto lo staff che si è impegnato sicuramente molto per poter rispettare le indicazioni del Presidente Conte ma anche nel rispetto dei cittadini che vivono le grandi difficoltà di questo periodo.

Nicoletta

La vicenda del coronavirus ha di colpo bloccato l’intensa attività di incontro che svolgevamo. A me è parso però che non potessimo prenderci una vacanza imprevista e chissà quanto lunga. Perciò quando ho letto sul giornale dell’iniziativa “Per padova noi ci siamo” ho subito aderito, e l’ho proposta ai miei compagni di caritativa, alcuni dei quali so che hanno pure aderito. Rispetto al progetto finora sono stata attivata per la consegna delle mascherine agli over 75 del quartiere in cui abito. Mi è stata assegnata la zona 4, che conoscevo un pochino. La mia più grande preoccupazione era quella di non saper raggiungere tutti i destinatari, perché purtroppo mi manca proprio il dono dell’orientamento, anche se ho una conoscenza piuttosto approfondita di vie e numeri civici per il lavoro che facevo. Invece è andato tutto bene.

Erminia (Mimma) Aziani

“Non doveva servire un’emergenza come quella del corona virus per accorgersi delle necessità di molti anziani soli, mi auguro che il volontariato continui a fare la differenza anche quando saremo usciti da questa situazione”.

Roberto è presidente dell’associazione Mama, che si occupa dei diritti degli anziani e dei disabili. All’interno del progetto “Per Padova noi ci siamo”, Roberto racconta di aver “adottato” 4 anziani, al quale ha lasciato anche il suo stesso recapito telefonico. Li aiuta portandogli spesa, farmaci, generi di prima necessità e interviene qualora ci fossero delle necessità specifiche.

Roberto Pattaro

Enti capofila: